Presentazione del libro “Da Avigliano Scalo al Comune di Milano”

Domenica 7 agosto 2016 – ore 18.00 presso la biblioteca “Tommaso Claps” – Presentazione del libro “Da Avigliano Scalo al Comune di Milano” di Vito FIORELLINI

Introduce: Mimì Pace, Avvocato
Saluti:
Vito Summa – Sindaco di Avigliano
Carlo Onorato – Presidente UNITRE
Angelina Pagliuca – Presidentessa Casa di Riposo ”Sacra Famiglia”
Partecipano:
Vito Fiorellini – Autore
Franz Manfredi – Studioso di storia civile
Franco Sabia – già Direttore della Biblioteca Nazionale
Domenico Pittella – già Senatore della Repubblica

Il Consiglio Direttivo della Società di Mutuo Soccorso fra gli Operai di Avigliano ha deciso di devolvere il ricavato dalla vendita del libro, donatoci dal Socio Onorario Avv. Vito Fiorellini al quale va il nostro vivo ringraziamento, alla casa di riposo Associazione “Sacra Famiglia” di Avigliano per la costituzione di un “Fondo Solidarietà” finalizzato alla integrazione della retta per i nostri Soci e dei cittadini meno abbienti. “Fondo Solidarietà” che funga da viatico per un aggiornamento e potenziamento della mission originaria della Casa di Riposo, strettamente connessa ad una indifferibile dislocazione dell’ attuale sede. Auspichiamo, con il contributo di tutti i Soggetti pubblici e privati, l’organizzazione di forme di assistenza semi-residenziale, alternative al ricovero stabile in residenza assistenziale, atte a consentire la permanenza delle persone presso la propria abitazione e nel proprio nucleo familiare. Auspichiamo anche l’istituzione di Centri Diurni Integrati, l’attivazione di ricoveri temporanei di sollievo, l’apertura dei servizi mensa e lavanderia ai fruitori esterni, la sperimentazione dell’assistenza domiciliare integrata, a partire dai servizi infermieristico e riabilitativo. Il virtuoso connubio tra Associazione e Impresa Sociale, fondato sull’approccio del volontariato solidale-mutualistico e sulla collaborazione “in rete” a beneficio della collettività, avrebbe il duplice obiettivo di dare risposte adeguate alle esigenze emergenti dai nuovi bisogni della popolazione anziana, in continua crescita, oltre che incrementare e favorire nuove occasioni occupazionali nel settore dei servizi alla persona, anche allo scopo di contrastare lo spopolamento del nostro territorio. Le nostre attività mutualistiche, inclusive e solidaristiche, vengono svolte con la convinzione di espletare un ruolo sussidiario ma non sostitutivo del servizio pubblico, seppur inserite nel complessivo processo di transizione dal welfare state al welfare community. La valorizzazione dei “corpi sociali intermedi”, protagonisti del terzo settore, può certamente rinvigorire l’efficacia delle Istituzioni locali per l’affermazione dei diritti di cittadinanza attiva.

Il Presidente: Andrea Genovese

Scarica l’invito
Scarica il manifesto
Copertina invito

Società di Mutuo Soccorso, oltre 500 quelle attive in Italia

ROMA – Un pezzo di storia del nostro Paese che affonda le radici nella seconda metà del 1800 ma che ancora oggi, in questa fase cruciale di riforma del terzo settore italiano, porta avanti quegli ideali originari di solidarietà e tutela sociale per le fasce di lavoratori e cittadini più deboli e meno protette: sono le Società di Mutuo Soccorso, su cui l’associazione Isnet, nell’ambito degli approfondimenti tematici dell’Osservatorio nazionale sull’impresa sociale, ha appena concluso uno studio definito «il primo del genere in Italia».

I SERVIZI OFFERTI AI SOCI
Nate per sopperire alle carenze dello stato sociale, le società di mutuo soccorso sono associazioni senza scopo di lucro, a cui le persone aderiscono in maniera volontaria, su base territoriale o professionale per scopi di mutuo aiuto. Un mondo poco conosciuto, ma che secondo la ricerca Isnet conta ad oggi 1.114 società presenti nel nostro Paese. Di queste, però, solo 509 possono dichiararsi attive, ossia svolgono attività non occasionali a favore dei soci che versano quote annuali. L’indagine si concentra poi su un campione di 200 organizzazioni attive, di cui il 54,5% promuove interventi di tipo socio-sanitario, attraverso convenzioni con strutture sanitarie, rimborsi per ricoveri ospedalieri, assistenza domiciliare e ospedaliera, coperture per cure odontoiatriche e altro; della restante porzione, una su tre prevede di attivarsi in questa direzione nel prossimo futuro. L’attività sanitaria, però, non è l’unica: la maggior parte porta avanti anche attività integrative come iniziative culturali, legate all’istruzione e alla formazione, e di sostegno alle famiglie.

L’INDAGINE
Sempre secondo lo studio, è nel Nord Italia che si concentra il maggior numero di società, che contano in genere tra i 100 e i 400 soci. Alcune, però, possono raggiungere anche i 15 mila, e per l’erogazione di servizi spesso si affidano a partnership con le cooperative sociali. Per il 2017, infine, si prevede un incremento medio della base associativa del 5,5%, a conferma del quadro «dinamico e in evoluzione» di questo comparto che vuole diventare sempre più strategico nella sanità e nell’ambito del terzo settore.

«L’obiettivo di questa ricerca – ha detto la presidente di Isnet, Laura Bongiovanni – non è solo fornire numeri ma anche creare un meccanismo in cui le associazioni censite facciano sistema, portando avanti un dialogo incisivo con le istituzioni e indirizzando così le politiche e le azioni di governo».

Fonte: Corriere Sociale, sezione del Corriere della Sera dedicata ai temi della CSR, del volontariato, del Terzo Settore e delle ong.

Presentazione dell’indagine sulle Società di Mutuo Soccorso in Italia

Una rassegna sintetica delle analisi e studi realizzati da Isnet dedicati all’impresa sociale per monitorare l’andamento e la performance delle organizzazioni e la loro capacità di rispondere ai bisogni espressi dalla popolazione.

Anteprima dati indagine a cura di Laura Bongiovanni, Presidente Associazione Isnet

Scarica la presentazione
Vai al sito

Giornata delle donne

Domenica 13 Marzo alle ore 17:00, presso la sala “Andrea Claps” – Giornata delle Donne

Con la partecipazione della Commissione Regionale Pari Opportunità della Basilicata, “Premiazione dello Studio”.

Madrina della giornata la scrittrice Anna Fiorellini ZAFARONE che presenterà il libro “i quaderni di Anna”. Accompagnerà la serata l’arpista Sabrina Genovese.

 

Udienza dal Papa

Il Prefetto della Casa Pontificia ha dato risposta positiva alla richiesta dell’Associazione Italiana delle Società di Mutuo Soccorso (A.I.S.M.S.) di udienza privata con Papa Francesco in occasione dell’Anno Santo della Misericordia, per Sabato 20 febbraio 2016 – ore 11.00

I Soci e familiari della SOMS di Avigliano interessati a partecipare, fino al raggiungimento di massimo 130 posti, sono invitati a dare la propria adesione entro e non oltre il 30 dicembre 2015 presso gli uffici della SOMS, versando un contributo per il viaggio di € 10,00.

Alla quota di partecipazione per viaggio e soggiorno, ogni familiare del Socio deve aggiungere il costo di € 10,00 (dieci) pro capite, per la sacca del pellegrino, contenente: il biglietto d’ingresso al Vaticano, l’opuscolo AISMS 2015, una coccarda e un foulard dell’evento.

Comunicato

16/11/2015 11:58 Il consigliere regionale dell’Udc fa riferimento al convegno tenutosi lo scorso sabato ad Avigliano organizzato dalla Società di Mutuo Soccorso in cui si è discusso sulla sua proposta di legge finalizzata a disciplinare la materia funeraria e cimiteriale.

ACR Nell’ambito del convegno tenutosi ad Avigliano lo scorso sabato 14 novembre, organizzato dalla “Società di Mutuo Soccorso fra gli operai di Avigliano”, che conta più di 2500 soci, sono emerse ulteriori proposte per migliorare ulteriormente la proposta di legge presentata dal consigliere regionale, Francesco Mollica, in “materia Funeraria e Cimiteriale”.

“Molto interesse ha suscitato la proposta – ha dichiarato Mollica – considerando che la stessa è finalizzata a disciplinare meglio la materia, prevedendo anche obblighi per i Comuni nella regolamentazione successiva all’approvazione della legge”.

“Un incontro a più voci –  ha proseguito Mollica – che ha dato vita ad un dibattito interessante su aspetti politici, religiosi e normativi che la materia implica e,  dove, anche la Chiesa Cattolica  attraverso Don Marcello Corbisiero, ha proposto che all’interno della legge si possa prevedere, in forma vincolante, la cremazione anche per i feti degli aborti inferiori alle 20 settimane (5 mesi), diversamente dall’attuale facoltà di seppellimento prevista dal Dpr n. 285/90”.

L’intervento del presidente della Società di Mutuo Soccorso, Andrea Genovese, finalizzato al sostegno della pratica della cremazione, si è accentrato sulla  problematica, molto avvertita dalla Comunità, della mancanza di spazi all’interno del cimitero e dei  costi elevati dei loculi per la tumulazione canonica. Per dare un segnale concreto, la Società ha  deciso di acquistare una struttura modulare per urne cinerarie da collocare presso la cappella del sodalizio a disposizione gratuita dei Soci e dei loro familiari conviventi.

“Per questo – ha concluso Mollica – congiuntamente al consigliere Pace, presente all’iniziativa, abbiamo assunto l’impegno affinché le problematiche sollevate nel convegno possano trovare risoluzione all’interno dell’atto nel suo iter consiliare, attraverso emendamenti mirati a risolvere la questione”.

Fonte Consiglio Informa

Scarica il file delle convenzioni

Udienza privata da Papa Francesco

Programma per la giornata di sabato 20 febbraio 2016

Per opportuna conoscenza, vi riportiamo qui di seguito alcune indicazioni riguardanti la manifestazione in oggetto:

  1. Entro il 23 novembre 2015, confermare via e-mail alla segreteria dell’AISMS la propria adesione, indicando il numero previsto dei partecipanti;
  2. Entro il 31 dicembre 2015, far pervenire alla segreteria dell’AISMS l’elenco nominativo dei partecipanti;
  3. Sabato 20/2/2016, trasferimento in Piazza San Pietro/Sala Nervi – Aula Paolo VI, per la partecipazione all’udienza papale, prevista per le ore 11.00;
  4. Per le Società che programmeranno il viaggio a Roma in una sola giornata, sarà operante in Vaticano, a partire dalle ore 7.30 del 20 febbraio 2016, la nostra SEGRETERIA ORGANIZZATIVA, alla quale ogni capo delegazione si potrà rivolgere, per ritirare i biglietti d’ingresso e la sacca del pellegrino e per ogni altra eventuale esigenza;
  5. I capi delegazione dei gruppi che eseguiranno il viaggio in due o più giorni, potranno provvedere alle incombenze di cui sopra, rivolgendosi alla SEGRETERIA ORGANIZZATIVA, che sarà aperta anche dalle ore 16.00 alle ore 19.00 di venerdì 19 febbraio 2016 in Via Gualtiero Serafino, 8 – Roma – c/o ROME SUITES B&B (a 150 metri dalla fermata della metropolitana CIPRO e a 500 metri da Piazza S. Pietro);
  6. Alla quota di partecipazione per viaggio e soggiorno, ogni Società è invitata ad aggiungere il costo di EURO 10,00 (dieci) previsto per la sacca del pellegrino, nella quale contiamo d’inserire: l’opuscolo AISMS 2015, una coccarda, un foulard e il biglietto d’ingresso al Vaticano;
  7. Ogni Società o Coordinamento regionale organizzeranno autonomamente il viaggio e il soggiorno dei loro assistiti. Nel caso in cui qualche Società o Coordinamento regionale dovesse incontrare dei problemi, l’AISMS conferma la propria disponibilità a dar loro un aiuto per risolverli.

Rimanendo a Vs. disposizione per ogni eventuale chiarimento, vi porgiamo, con l’incontro, i più cordiali saluti.

Scarica la circolare il formato pdf

CREMAZIONE: un diritto dei lucani

Sabato 14 novembre – ore 18.00 – Sala Consiliare Avigliano

La Basilicata è una delle poche regioni italiane dove ancora non esiste nessun impianto di cremazione dei defunti. Il Consiglio Direttivo della SOMS, al fine di dare un segnale concreto per sostenere la pratica della Cremazione, ha deciso di acquistare una struttura modulare per urne cinerarie da collocare presso la Cappella Cimiteriale del Sodalizio a disposizione gratuita, per venti anni, per il Socio ed i familiari conviventi, e di erogare un contributo spese per i Soci che opteranno per questa modalità di scelta funebre (fino ad un importo di € 650,00 o comunque pari alle tariffe di cui alla Legge 130/2001 e s.m.i. e del D. M. 16 /5/ 2006).

Vito Summa – Sindaco di Avigliano
Francesco Mollica – Vicepresidente del Consiglio Regionale
Don Marcello Corbisiero – Docente di Teologia Morale
Gabriela Bamonte – Chiesa Avventista del 7° Giorno
Vito Pace – Notaio in Avigliano

Scarica il manifesto dell’evento

Illuminazione straordinaria Cimitero di Avigliano, Novembre 2015

Si avvisa la cittadinanza che è attivo il servizio di prenotazione per l’allacciamento delle lampade votive per il mese di novembre 2015.
Gli interessati potranno rivolgersi alla segreteria della Società Operaia di Mutuo Soccorso sita in Corso Gianturco n. 95 – Avigliano.
Ricordiamo, inoltre, che per la richiesta di tutti i servizi è necessario indicare il numero identificativo del loculo reperibile a fianco di ogni lapide e riportato sulla targhetta di alluminio.

ORARIO D’UFFICIO
Mattina 9:00 – 12:30 da lunedì a sabato
Pomeriggio 16:00 – 18:00 martedì e giovedì
(Dal 30.10 al 02.11 il servizio sarà effettuato solo presso il cimitero 9:00 – 13:00 // 15:00 – 17:00)

Si invitano gli utenti che ancora non hanno regolarizzato il pagamento del canone annuale 2015 ad effettuarlo tempestivamente, pena il distacco dell’energia elettrica.

PRATICA DELLA CREMAZIONE
“Il C.D. della Società di Mutuo Soccorso fra gli Operai di Avigliano, al fine di dare un segnale concreto per sostenere la pratica della Cremazione, ha deciso di erogare un contributo per la cremazione del Socio che opterà per questa scelta, fino ad un importo di € 650,00 (di cui alla Legge 130/2001 e del D. M. 16 -05-06) e di acquistare una struttura modulare per le urne cinerarie, da mettere a disposizione gratuitamente per il Socio ed i familiari conviventi, presso la Cappella Sociale del Sodalizio”.

Scarica il manifesto qui

Cremazione dei defunti – estratto Consiglio Direttivo del 19 giugno 2015

Il C.D. al fine di dare un segnale concreto per sostenere la pratica della Cremazione, decide di acquistare una struttura modulare per urne cinerarie da collocare presso la nostra Cappella Cimiteriale e di erogare un contributo spese per i Soci che opteranno per questa modalità di scelta funebre… Il C.D. ha valutato l’opportunità di proporre ai Soci più sensibili il ricorso alla cremazione nel momento della dipartita, per cui decide di chiedere dei preventivi alle ditte locali di Agenzie Funebri sul costo complessivo per la cremazione, per poter giungere alla sottoscrizione di una convenzione con la Ditta che offrirà il costo più basso. Il C.D. dopo attenta e partecipata discussione, decide con convinzione ed all’unanimità di incentivare la cremazione dei defunti tramite l’erogazione di un contributo per la cremazione del Socio, fino ad un importo di € 650,00 (o comunque pari alle tariffe di cui alla Legge 130/2001 e s.m.i. e del Decreto Ministeriale 16 maggio 2006), e di mettere a disposizione gratuitamente, per venti anni, per il Socio ed i familiari conviventi, una sola celletta per le urne cinerarie presso la Cappella Sociale del Sodalizio…

Scarica il manifesto in formato pdf